Close
Book Your Reservation

Illva Saronno e l’innovazione: “Sharing the knowledge for shaping the future.”


Illva Saronno, grande multinazionale italiana presente in oltre 160 paesi del mondo, ha realizzato un importante Summit in Cina dal titolo “Sharing the knowledge for shaping the future”, insieme ai suoi principali partner internazionali Changyu Cina, Modi Group India e Walsh Whiskey Distillery Irlanda e ha avuto i suoi maggiori partner commerciali nel mondo come ospiti d’eccezione. Il gruppo di Saronno, che continua a crescere a livello globale, grazie a partnership strategiche con colossi mondiali e all’impegno costante in ricerca e innovazione, ha così potuto mostrare la sua reale dimensione e spiegare le sue aspirazioni future.
Il Summit si è svolto in una location d’eccezione, il Castello Reina a Xian, in Cina, un paese importante, in forte espansione in diversi ambiti, tra cui, inaspettatamente quello del vino, soprattutto grazie ad aziende come Changyu che hanno creduto nel potenziale di questo settore, investendovi.
Illva Saronno da sempre attenta ai mercati emergenti e alle nuove opportunità che questi possono riservare si è impegnata in un progetto imponente, sostenendo Changyu e la produzione del vino in Cina con la propria
esperienza, la tecnologia e il sapere derivante dalla tradizione italiana.
Il Summit, dal forte respiro internazionale, ha visto la partecipazione di relatori del calibro di Ian Bremmer, Presidente e fondatore di Eurasia Group e noto columnist del Time, e Spiros Malandrakis, dell’Euromonitor Research, che hanno ipotizzato i futuri scenari possibili del mondo del consumo e del mercato in generale.
Ian Bremmer, scienziato politico e giornalista, definito da The Economist il guru del political risk, ha messo in luce le macro variabili che secondo lui determineranno i cambiamenti nei prossimi 10 anni a livello economico e politico. Spiros Malandrakis, ha immaginato i mutamenti del mercato e i nuovi trend di consumo, in base a variabili quali la demografia, l’accesso al consumo e l’instabilità politica ed economica, evidenziandone i fattori d’impatto come l’innovazione tecnologica e di prodotto.
Gli altri relatori sono stati Augusto Reina, Amministratore Delegato Illva Saronno Holding, Stefano Battioni, Amministratore Delegato Illva Saronno Spirits, Umesh Modi, Presidente di Umesh Modi Group, Bernard Walsh, Amministratore Delegato Walsh Whiskey Distillery, Zhou Hong Jiang, Direttore Generale di Changyu Pioneer.
Si è poi continuato con un programma che ha unito la cultura e la storia cinese con il business, culminando con la visita della Wine City e dello stabilimento di Changyu a Yantai, un vero e proprio concentrato di tecnologia e innovazione che ha visto impegnata Illva Saronno nella fase di progettazione, e capace di produrre, in modo estremamente efficiente, 600 milioni di bottiglie di vino l’anno. Illva Saronno continua il suo viaggio verso il futuro, sognando, ricercando, esplorando e sperimentando per dar vita a progetti sempre più innovativi e all’avanguardia in ogni angolo del mondo.

Condividi sui social networks

Per accedere al sito www.illva.com devi essere maggiorenne.